IL FASCINO DELLA MITOLOGIA

Forza e passione, bellezza e sensualità, canto e poesia, ma anche drammi, tragedie, guerre, creature fantastiche, vita e morte; immagini che si dipanano come in un film, un rincorrersi di eventi e di sogni: la mitologia.
Da sempre mi ha affascinato questo “film”, in particolar modo quei “frammenti” che oggi tento di ricomporre oltre che per il mio personale piacere, anche con l’intento di preservare la memoria di quanto bello e fantastico è stato realizzato in tempi anche mentalmente ormai così lontani da noi, così ricchi di arte e poesia. Uno sguardo su di un mondo irreale e incredibile, ma che sa catturarci e affascinarci proprio per la forza di trasfigurazione che gli è propria e per quella certa “leggerezza” che sa trasmetterci.I ritmi esasperati e soffocanti della vita odierna, una tecnologia fortemente condizionante, aumentano sempre più il nostro bisogno di far riemergere la parte umana e “leggera” che è in noi.

Oltre al senso religioso e alla sacralità, altre componenti concorrono al vasto intreccio della mitologia: le forze naturali sono certamente le prime a suscitare l’idea delle divinità che le regolano fin da prima che l’uomo calpestasse il suolo terreno e poi abbiamo eroi divinizzati, muniti di ogni perfezione fisica, accadimenti e costumi trasfigurati in leggende ricche di allegorie e significati nascosti; forse commetteremmo dei gravi errori volendo a tutti i costi svelare ciò che nei miti ci risulta poco chiaro. I greci crearono gli Dei e trasfigurarono in essi la propria natura di uomini, le divinità greche ebbero volto e mani, virtù e vizi, passioni e amori, peripezie e lotte, a loro innalzarono templi maestosi, offrirono candide sculture marmoree e per scoprire il loro destino interrogarono gli oracoli.Nel mito ogni uomo ha cercato le proprie origini e la natura del mondo e al mito ha affidato il compito di spiegare tutto ciò: da questo emerge il fascino della mitologia.


4 persone stanno ricevendo la Newsletter